7 cose che ho imparato sulla felicità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Amo la preparazione, la ricerca, i momenti che vengono prima di un particolare evento o situazione, come se volessi iniziarli a vivere prima per farli durare di più, quelli belli naturalmente. Siamo tutti alla ricerca di quel qualcosa che ci renda felici. Ma come si può essere felici in questo mondo? Sai che cosa è la felicità? E sai come raggiungerla? Se ci fosse un navigatore capace di portarci lì, in quel posto chiamato felicità, lo imposteremmo subito. Se cerchi su Google la parola “felicità” ti esce la canzone di Albano e Romina, uscita nel 1982, io non ero ancora nato, e probabilmente molti di voi neanche li conoscono.

La felicità è un percorso, non una destinazione.

Madre Teresa di Calcutta

Non ha a che fare con un luogo ma con il tempo. È qualcosa che vivi “mentre” vivi. Ci sono delle domande intime che mettono con le spalle al muro e una di queste è: Sei davvero felice? La maggior parte di noi risponderebbe “Si si certo, non hai visto il mio ultimo post?”. Attivando dei meccanismi di difesa e trovando delle giustificazioni solo per non ammettere di non essere davvero felice!

Vedo continuamente post felici di ragazzi tristi. La felicità non è qualcosa a cui puoi mettere like, la vera felicità non ha bisogno di filtri. So già che questa estate vedrò tante foto estive sui social dove la gente mostrerà quanto sta spaccando la sua vacanza, sembrando la più felice del mondo mentre al di la dello schermo si sente sola e insoddisfatta!

Tutti nel mondo abbiamo qualcosa in comune: la ricerca della felicità e vorrei condividere con voi 7 cose che ho imparato sulla felicità:

1. La tua felicità è una cosa seria.

Devi prenderla sul serio e non permettere che circostanze, persone, preoccupazioni o altro possano rubartela. Cosa ti ridi? Sii serio. La felicità non è un gioco, non è un sentimento, non è un’emozione. Siate seriamente felici! Dopo aver preso sul serio la mia felicità ho imparato che…

2. Ci vuole coraggio per essere felici

Vabbè dai, ora cosa centra il coraggio con la felicità? Affrontare le nostre paure significa conoscere meglio la felicità. Forse hai paura di rimanere sola o solo. Bene, ci vuole coraggio a interrompere quella relazione tossica che ti sta rendendo infelice. Ho dovuto avere il coraggio di assumermi le mie responsabilità, vincere il senso di colpa e iniziare ad assaporare la felicità. La paura di dirà continuamente che tu non meriti di essere felice ma è il coraggio che ti aiuterà a non credere a questa bugia.

Hai mai avuto problemi con i tuoi genitori? Forse sono separati, divorziati, o sono altre le tensioni che vivi a casa. Io ho dovuto avere coraggio per perdonare i miei genitori per tante cose poco piacevoli che sono successe. Ragazzi ci vuole coraggio per abbandonare il passato e abbracciare il presente come se non ci fosse un futuro. Ma vorrei fare dei podcast specifici su questi argomenti ed esperienze.

3. La felicità può essere rubata

La vita è piena di inconvenienti, ritardi, persone che fanno la cosa sbagliata. Molti non riescono ad essere felici perché si lasciano rubare la loro gioia.

“Ti lascio l’esame ma non ti lascio la mia gioia”
“Ti lascio il parcheggio ma non ti lascio la mia gioia”
“Ti lascio il mio orgoglio ma non ti lascio la mia gioia”

Non puoi controllare quello che la gente fa, non puoi controllare quello che gente dice ma puoi controllare come tu rispondi. Le persone che ti rubano la gioia potrebbero non cambiare mai perciò decidi di cambiare tu. La vita è troppo corta per vivere in maniera frustrata.

Le persone hanno il diritto di dire la loro opinione, tu hai il diritto di ignorarla.
Le persone hanno il diritto di essere maleducate, tu hai il diritto di rimanere felice.

Quando dai alle persone il potere di offenderti e rattristarti gli stai dando il tuo potere, gli stai dando la possibilità di controllarti e perdi forza! Ho rivisto la scena tratta dal film La Ricerca della Felicità di Gabriele Muccino, con Will Smith e il figlio. Più o meno a metà film padre e figlio fanno qualche tiro a canestro in un momento libero. Jaden coltiva il sogno di diventare un grande campione di basket, ma il papà gli rimette i piedi ben piantati in terra, dicendogli che al massimo giocherà nelle categorie inferiori, come aveva fatto lui quando era giovane. Il ragazzino allora si incupisce e butta via il pallone, mentre Chris, capisce che è stato troppo duro col figlio, si avvicina a lui e pronuncia la frase:

«Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa, neanche a me. Se hai un sogno, tu lo devi proteggere. Quando le persone non sanno fare qualcosa, lo dicono a te che non la sai fare. Se vuoi qualcosa, vai e inseguila. Punto.»

4. La felicità ha a che fare col dare più che col ricevere

Spesso siamo tutti lì che aspettiamo la felicità. Ma la felicità non sta nell’attesa ma nell’azione. Non sta nell’avere di più ma nel dare di più. Molti sono tristi perché sono tirchi! Quando parlo di dare non mi riferisco solo all’aspetto economico ma parlo del proprio tempo, del proprio talento, dei propri consigli, delle preghiere, dell’affetto, di un sorriso. Molti sono egoisti: interessati alla propria carriera, alla propria realizzazione, alla propria estate, alla propria felicità. Prova ad aiutare gli altri felici ad essere felici e poi dimmi se sarai triste! Tua mamma è felice se lavi i piatti? Lava pure il pavimento. Tuo papa è felice se vai a buttare la spazzatura senza che te lo ripeta 4 volte? Fai in modo che non ci sia più spazzatura in casa, butta tutto, fagli trovare la casa vuota 😜 Naturalmente non è la casa pulita che rende felici ma l’amore, il rispetto, l’affetto che alcune piccole azioni riescono a trasmettere.

5. Viene da dentro e non da fuori

L’idea che essere ricchi e famosi ti renderanno felice è un’illusione. Una cosa che ho imparato è che non devo per forza avere ciò che desidero per essere felice.

Non è quanto abbiamo, ma quanto lo apprezziamo, a renderci felici.

Charles Spurgeon

Non basta desiderarla. Gioia è qualcosa in cui credi prima di sentirla con i tuoi sentimenti

6. La felicità è come il latte di giornata

Molte persone aspettano che le circostanze della loro vita cambino per decidersi ad essere felici: “appena avrò un lavoro migliore… Appena mi laureerò… Appena starò meglio con la mia salute… Appena mi fidanzerò…” No, il punto è che per essere felice devi decidere di essere felice proprio ora! La gioia è un punto di vista! La gioia non è assenza di tristezza e la presenza di qualcosa di spettacolare. La felicità non è un giorno ma adesso!

7. La felicità si riassume in una parola: amarsi.

Amiamo sempre troppo poco e troppo tardi. Pensiamo di sprecare l’amore ma l’amore non si può sprecare. In una lettera che Paolo da Tarso ha scritto ai Galati elenca i frutti di una vita piena, guidata dalla fede e i primi 2 frutti sono amore e gioia. Se non sei felice hai bisogno di iniziare ad amare di più e amarti di più.

“EEEEE tu parli ma per te è facile…”

So che potrebbe sembrarti un po’ duro ma la felicità non fa compagnia alle vittime, ricordati che sei stato creato per vincere!

Dovresti fare sempre la faccia da Quokka, se non sai cosa è cercalo su Google. Il Quokka è un animale che sorride sempre per questo è stato definito l’animale più felice del mondo. Ma prima di farlo condividi questo articolo sui tuoi social o su whatsapp, la felicità si condivide, non fare il tirchio. Se vuoi seguimi anche su Instagram, Facebook, YouTube 😁 Buona vita felice!

Il tuo amico di Grandezza

Giuseppe Punto

Lascia un commento